Stampanti 3D & Co.

Alla fine di questa pagina troverai tutti i collegamenti agli altri articoli sulle stampanti 3D e inerenti alla Terza Rivoluzione Industriale che sono pubblicati. Puoi usare l’RSS feed per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli che pubblichero’.

Le stampanti 3D fanno parte della Terza Rivoluzione Industriale.

Una delle sezioni di curva, che ci porteranno, finalmente, a un mondo circolare e non piu’ lineare.

Forse non lo sai ma le stampanti 3D che vedi in giro si sono sviluppate grazie al progetto RepRap, un progetto libero nato nel 2006 all’Universita’ di Bath in Inghilterra grazie ad Adrian Bowyer e Vik Olliver.

Io sono anche uno sviluppatore di stampanti 3D perche’ mi piace la filosofia del progetto, aiutare la Razza Umana a fare il passaggio ad un economia di Tipo III.

In poche parole secondo la visione di Adrian Bowyer che puoi leggere in inglese nella pagina della filosofia su RepRap.org:

Philosophy Page

e’ che in un futuro neppure troppo lontano tutti avremmo una RepRap a casa.

Una RepRap e’ una stampante, che si stampa da sola, le parti per un altra stampante figlia, non come le commerciali che sono RepStrap cioe’ non replicabili a casa e con materiali di tutti i giorni.

Scrivevo… avremmo tutti o quasi, si puo’ sempre chiedere un aiuto al vicino come si fa nel Software Libero, una RepRap a casa o in ufficio con la quale stamparsi…, con polimeri naturali e creati con risorse rinnovabili, come il PLA originale sviluppato da Vik Olliver un NeoZelandese con il quale ho avuto l’onore di scambiare qualche email.

Diamond Age

Di no all’ABS i suoi fumi sono tossici, di si a prodotti ecosostenibili e non tossici per te e l’ambiente come il PLA!

…Che cosa ci stamperemo insomma? Le parti per un frullatore per esempio, comprando da un altra azienda di Tipo III le parti in metallo per completarlo.

Il progetto RepRap non  e’ finito, infatti, l’idea e’ di arrivare a stampare un lettore MP3 (cosi’ finalmente ne avro’ uno pure io) visto che sono gia’ state fatte delle prove per stampare circuiti.

http://reprap.org/wiki/Automated_Circuitry_Making

Vorresti essere anche tu parte del progetto RepRap? Facile iscriviti  alla mailing list degli sviluppatori, si parla inglese la lingua della rete.

Pure a me veniva difficile scrivere e parlare in inglese ma per uno sforzo globale ci vuole una lingua globale. Cooperazione volontaria. Se vuoi stare dentro i confini Italiani fa pure, ma siamo Europei da un po’.

Sono stato ad un Hacker Camp in Olanda Eth0 dove visto che ero l’unico che non parlavo Olandese (ero anche l’unico Italiano e quello che arrivava piu’ da lontano) tutte le conferenze a cui io partecipavo automaticamente venivano spiegate in Inglese, ecco io conosco Olandesi veramente validi che si son fatti dal nulla che verrebbero in Italia, ma qua la gente si ostina a far le cose in Italiano solamente, rete globale, lingua globale,  o no?

Comunque ecco il link per la mailing list degli sviluppatori RepRap, ci sono pure io da quando esistevano solo  due stampanti sul sito, guardatevi la Darwin vi ricorda qualche cosa?

LINK PAGINA MAILING LIST REPRAP.ORG mancante      O_O

che Hacker sarei se non lasciassi almeno un informazione fuori, in modo che tu, possa avere il piacere di imparare come cercare un notizia in una Wiki?

Il sito RepRap.org e’ tenuto in piedi da volontari come TraumFlug [se non ricordo male accetta sfide di Pretty Soldering [saldature belle da vedere su elettroniche] (lui e’ tedesco) gli sviluppatori originali hanno affidato nella mani sue e di altri fidati volontari, la wiki, perche’ i fondatori sei erano giustamente stufati dello spam e di dedicare gratis il loro tempo al progetto dopo che lo avevano fatto partire e decollare.

Ma chiedete in giro, io vado a memoria e non garantisco che le informazioni di questo blog siano corrette, e’ un blog personale.

Adrian Bowyer & Co. hanno giustamente iniziato a monetizzare i loro sforzi visto che gente senza scrupoli o con morale diversa dalla loro e da quella del Software Libero ha solo preso e mai dato niente indietro alla comunita’. I furbetti non esistono solo in Italia.

Questa e’ una stampante dedicata a Richard Matthew Stallman (RMS) sviuppata in Italia, da un sognatore:

Stallman Stampante 3d 

Se vuoi comprare una stampante direttamente da Adrian Bowyer che e’ l’ideatore del progetto RepRap puoi farlo qua:

RepRapPro

Se vuoi comprare il PLA originale, che e’ fantastico da usare direttamente dal creatore originale Vik Olliver puoi farlo qua:

DiamondAge

Se le spese di spedizione sono alte fa gruppo con altri amici, sperando che le tasse di importazione per prodotti ecosostenibili diminuiscano un po’ nel futuro, ho fiducia dei nostri legislatori io, so che siamo indietro come liberta’ di stampa in Italia, ma dopo che ho sentito parlare Benedetto Della Vedova in prima persona,ho pensato che come lui in parlamento devono esserci altri politici che ci tengono al nostro Bel Paese.

Sono piu’ di duecento quelli che hanno firmato la proposta di legge per il Mercato Libero della Cannabis in Italia, non sono pochi.

Se vuoi comprare da uno sviluppatore indipendente che magari e’ solo uno studente che cerca di sbarcare il lunario, ma non per questo meno bravo di un ingeniere laureato questa e’ la pagina dei venditori autorizzati del progetto RepRap

http://reprap.org/wiki/RepRap_Buyers%27_Guide

Come avrai notato non c’e’ molto di scritto in Italiano nella wiki del Progetto RepRap, questo perche’ nel passato qualche furbetto toglieva le traduzioni, ora mi pare che i furbetti siano diminuiti.

Se sai l’inglese aiuta a tradurre, LiberaTutti lo fa per progetti ecosostenibili come i fumetti di Stuart McMillen.

Se hai paura che qualcuno tolga le tue traduzioni, fa come faccio io, falle su un file di testo, io consiglio Notepad++,[informati del perche” non si dovrebbe usare notepad di win per esempio o chiedi a un FSUG non a un LUG] salva la traduzione sul tuo pc, chiedi di essere aggiornato quando la pagina della wiki viene modificata,[ ricordati che devi visitarla quando se loggato con il tuo account per ricevere un altra notifica in caso di altra modifica,] e se qualcuno la toglie rimettila, arrabbiarsi non serve a niente, sii piu’ furbo dei furbetti!

Non aver paura di condividere quello che imparerai e troverai che la Condivisione Libera ti ripaghera’ del tempo che avrai ben speso ad aiutare il prossimo.

Ricordati stiamo tutti cercando di arrivare a una Terra Circolare, Libera. Chi inquina fuori dall’Italia sta inquinando il tuo pianeta, ricordatelo.

Smetti di guardare solo il tuo orticello! [Think Out Of The Box]

Ti stai chiedendo come fare se non hai una stampante 3D ne un amico/a con una stampante? Cerca un vero FabLab, di sicuro di aiuteranno, e se non hai soldi, basta condividere i tuoi progetti originali con Licenza Libera per avere l’uso gratuito delle macchine. Se non fanno cosi’ non sono veri Fablab o HackerSpace.

Perche’  ho lasciato e chiuso un attivita’ che mi procurava denaro? E dove non avevo veri concorrenti?

Non mi piaceva il fatto che gli italiani, almeno quelli che ho frequentato pensassero solo ai dindini senza preoccuparsi di evolvere il progetto RepRap e di dare indietro qualcosa alla comunita’ in piu’ volevo andare in Olanda a vedere quello che gli Olandesi stavano facendo e ne ho trovato uno cattivo, ma molti buoni, viaggiare e fare esperienza e’ sempre importante, ricordati la vita e’ una somma di esperienze buone o cattive che siano.

Un altro motivo per il quale ho chiuso l’attivita’ e che non mi andava di fare concorrenza ad Adrian Bowyer e al suo sito RepRapPro.com

Sono stupido? Non penso di esserlo, so distinguere quello che e’ necessario da quello che non lo  e’ e so che gente che mi ospitera’ e mi dara’ da mangiare nel Mondo Reale la trovero’ sempre finche’ il mio scopo sara’ quello di aiutare senza un profitto il prossimo bisognoso [e neppure con un secondo fine se non quello di fare esperienza].

Ho vissuto in una casa con piu’ scarafaggi che metri quadri quando andaii nelle Filippine ad aiutare i bambini di strada in un orfanotrofio, ma questa e’ un altra storia, qua si parla di Stampanti 3D. Sono stato di persona a Tondo nelle Filippine,a vedere le Smoking Mountains[2004-2005], mi ha cambiato per sempre vedere di persona cosa il nostro egoismo crea, e dico il nostro perche’ loro sono terzo mondo.

Mi ha portato la’ il nostro Console Italiano nelle Filippine dell’epoca Martin Brooke che ringrazio per avermi insegnato ad essere ancora piu’ Italiano. Chissa’ dove sei ora…

Le stampanti 3D nascono anche per aiutare loro, le persone del ‘Terzo Mondo’ che hanno una distanza tecnologica dal ‘Primo Mondo’ ma anche dal ‘Secondo Mondo’ che non gli permette di evolversi liberamente.

Cannabis Libera vuol dire anche automaticamente Cannabis Medicale Libera che e’ meglio, vuol dire dare l’esempio al resto del mondo, Italia Risorgi!

Noi Italiani con l’Impero Romano esportavamo soprattutto cultura e benessere nel resto del Mondo,almeno cosi mi spiegavano alle Elementari, ma era tanti tanti anni fa, basta gloriarsi del passato, rimbocchiamoci le mani e risolleviamo le sorti del nostro Bel Paese, iniziando dall’ essere la prima Nazione a fare il Mercato Della Cannabis Libero.

Il Colorado e’ uno stato non una nazione.

Abbiamo seguito gli U.S.A. nel Proibizionismo, ma non e’ che dobbiamo aspettare che la California e poi  probabilmente tutti gli altri Stati degli USA lo facciano per dimostrare che vogliamo solo il bene del Nostro Paese, o scrivo male?

I commenti sono liberi su questo sito, ma non aspettarti una mia risposta, sono un Hacker, che segue la definizione di Stallman, guardati il video nella pagina del Software Libero per capire cosa sia veramente un VERO hacker.  o.O?

liberatutti.info/software-libero

Rompi gli schemi lineari per renderli circolari, ma con la guerra in stile Ghandi, che nostalgia le mie prime lotte nei pub per far conoscere la filosofia del Software Libero, quante parole e insulti mi sono preso, anche tante botte… e tutto per questa rivoluzione mentale che e’ in atto e non si puo’ fermare. Dura la vita a volte.

@Moro de Muran e Paride vi ricordate cosa mi ha fatto ad Ohm per differenze di cultura un ragazzino spaventato? Quanto ho sofferrto con la costola incrinata, ma io pensavo di essere in mezzo a veri hacker non a craker. Grazie per il vostro supporto morale.

Un altro negozio elettronico tenuto da Veri Hacker Olandesi, non i piu’ economici, ma i professionisti si pagano, e’ questo:

xyzPrinters

Ho imparato da loro all’inizio e’ stato il primo negozio indipendente veramente etico che e’ nato, a memoria mia almeno.


Articoli sulla Terza Rivoluzione Industriale e Stampanti 3D
Mendel Prusa un ottima stampante per iniziare

Kossel robot 3D delta parametrico

InMoov robot umanoide a grandezza naturale